L’osteoporosi: comune, ma non è “normale”

Alcune persone sono venute in studio e hanno detto di avere un “normale livello di osteoporosi“. Dobbiamo affrontare questo concetto perché nonostante sia abbastanza comune qui in Italia non significa che sia “normale” per il corpo umano. In Italia è abbastanza comune vedere uomini e donne anziane ingobbiti, fenomeno conosciuto in ambito medico a livello mondiale come gobba della vedova. Questa gobba si sviluppa lentamente col tempo perché le ossa diventano deboli e tendono a collassare e senza rendersene conto si diventa 10 cm più bassi di quando si era giovani. Bisogna capire che questi sono processi dovuti alla mancanza di equilibrio accumulati col tempo e non all’età.
Cosa accade nell’osteoporosi? Le vostre ossa sono dinamiche. Costantemente depositano nuovo osso e rimuovono il tessuto osseo vecchio sotto il controllo degli ormoni rilasciati dalla ghiandola paratiroidea, dalle ghiandole tiroidee ed altre. Queste ghiandole rilasciano gli ormoni grazie ai segnali del cervello attraverso il sistema nervoso in accordo con la quantità di minerali presenti nel sangue, ad esempio calcio, fosfato ecc. Quando il processo di deposito di nuovo osso e di demolizione del vecchio diventa disequilibrato porta ad un osso poroso che compromette la forza dell’osso e di conseguenza un aumento notevole del rischio di frattura che porta ad una diminuzione della qualità della vita e ad un aumento di morbilità e mortalità. Al contrario quando c’è un perfetto equilibrio omeostatico lo scheletro rimane forte ed in grado di supportare noi e una vita in salute piena di energia.
Per tornare in equilibrio è fondamentale capire in primo luogo perché il corpo ha perso il suo bilanciamento. Poiché il cervello e il sistema nervoso regolano il processo di deposito ed riassorbimento osseo è importante assicurarsi che i segnali siano mandati in maniera appropriata per prima cosa al corpo senza alcuna interferenza nella comunicazione. In aggiunta a questo ovviamente si deve guardare con occhio critico al proprio stile di vita e ai fattori nutritivi per assicurarsi di fornire al corpo gli strumenti ottimali e l’ambiente che gli è necessario non solo per sopravvivere ma per prosperare.
Le necessità nutrizionali sono uniche e complesse per ogni persona a seconda del loro stato di salute, e ovviamente se il sistema nervoso comunica efficacemente con il sistema digestivo così da poter funzionare/assorbire i nutrienti forniti. Tuttavia ci sono alcuni suggerimenti generici.
1. Aumentare il calcio – Un minerale che è importante per il funzionamento del cuore, dei muscoli, del sistema nervoso e naturalmente della struttura ossea.
2. Aumentare la Vitamina D3 – Attiva nell’assorbimento del calcio e nel deposito di nuova materia ossea.
3. Diminuire il fosfato  – il fosfato aumenta il tasso di distruzione ossea.
4. Smettere di fumare – i recettori del corpo riconoscono le sostanze chimiche/tossine dannose e quindi il sistema nervoso crea una risposta infiammatoria per rimuoverle. L’infiammazione cronica contribuisce ai processi di osteoporosi (e a molti altri).
5. Fare esercizi con i pesi/resistenza. – La legge di Wolf illustra come l’aumento di pressione sull’osso si incrementa la deposizione di osso.

Questa informazione ha lo scopo di aiutare il sistema nervoso e, di conseguenza voi stessi a funzionare in modo ottimale e noi siamo qui per facilitare ulteriormente questo processo quindi chiamate oggi, se non avete già iniziato il processo con noi per scoprire come si può raggiungere una salute migliore.   011.433.1657

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *